In memoria dell'amato... - 45Paralleolo_03

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur ad elit.
Morbi tincidunt libero ac ante accumsan.
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec commodo sapien et dapibus consequat.
Associazione Culturale Quarantacinquesimo Parallelo

Ultimo aggiornamento sito: 02/07/201802/07/201802/07/201821/06/2018

Logout
Vai ai contenuti

Menu principale:

In memoria dell'amato...

Idee e riflessioni
03/04/2018
Animali d'affezione... come creare qualcosa di utile portando benefici al nostro territorio.
Dunque,
  • c'è la necessità di incrementare i flussi turistici;
  • abbiamo aree da sottoporre a rimboschimento dopo i soliti scellerati incendi;
  • tanti sono i proprietari di animali da compagnia che prima o poi dovranno affrontare il momento della scomparsa del loro caro compagno;
  • abbiamo una metropolitana che arriva nel nostro territorio;
  • siamo nel Parco dei Castelli Romani;
  • bisognerebbe aiutare le attività sul territorio e, magari, creare anche qualche posto di lavoro;
  • il problema del mantenimento degli animali da compagnia è un fenomeno in costante crescita;
  • ecc. ecc.

Perchè non studiare il modo di unire tutte queste cose e farle diventare un servizio funzionale e a pagamento?
A Senigallia nasce bosco in memoria degli animali domestici!!! Ma è una bellissima idea... perchè non copiarla e migliorarla?
Perchè non fare in modo che chi perde l'amato compagno non possa piantare un albero nel nostro territorio?
Magari proprio nelle zone che sono state oggetto di incendi.
Chiaramente si tratterebbe di piante autorizzate dell'Ente Parco... In teoria si potrebbe autorizzare l'apposizione di una piccola targa a memoria del povero animale.
Piante, targhe e altro dovrebbero, chiaramente, provenire da aziende sul territorio.
Probabilmente chi dovesse aderire a tale iniziativa verrebbe almeno una volta l'anno a vedere la crescita della pianta (magari anche più spesso vista la presenza della metropolitana e delle navette).
Nulla vieta poi di realizzare, nel bosco creato, un percorso salute e/o attrezzare una piccola area per esposizioni canine da fare nei periodi caldi. Organizzare con le attività commerciali del settore presenti sul territorio eventi, corsi su come si cresce un cucciolo, ecc.
Teoricamente nella zona si potrebbe anche aprire un chiosco stagionale in carico all'associazione commercianti dove esporre e vendere i prodotti locali.
Qualcuno potrà storcere la bocca ma pensandoci bene sarebbe la prima iniziativa del genere nel centro Italia. E calcolando che Roma è ad un passo avrebbe sicuramente successo.
Al di là delle motivazioni che porterebbero le persone a visitare il nostro territorio esiste la possibilità di creare un piccolo circolo virtuoso che, oltre a fornire un servizio utile, apporterebbe anche degli introiti economici sul territorio.
Chiaramente questa è solo una ideuzza in embrione ma varrebbe la pena di rifletterci sopra in quanto può essere causa di interessanti ricadute nelle tasche del Comune, fonte di guadagno per gli esercizi commerciali e, da non dimenticare, un modo per proteggere le nostre aree verdi.
Vi chiediamo solo di rifletterci sopra.  
Ti è piaciuto l'articolo? Esprimi il tuo pensiero e condividilo sulla tua pagina Facebook.

Torna ai contenuti | Torna al menu