La spesa a casa - 45Paralleolo_03

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur ad elit.
Morbi tincidunt libero ac ante accumsan.
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec commodo sapien et dapibus consequat.
Associazione Culturale Quarantacinquesimo Parallelo

Ultimo aggiornamento sito: 06/05/201806/05/201806/05/201806/05/2018

Logout
Vai ai contenuti

Menu principale:

La spesa a casa

Idee e riflessioni
03/04/2018
Proviamo a proporre un'idea per fornire un servizio ai cittadini.
L'idea è quella di attivare un servizio di navette (basterebbero 1/2 APE Calessino) che partendo dal parcheggio in fondo a via Campo Gillaro facessero il giro del centro storico per trasportare chi ne avesse bisogno.

Tali mezzi, inoltre, potrebbero anche occuparsi, previo accordi con i commercianti interessati, di effettuare la consegna a domicilio della spesa alimentare/farmaci.

Studiando bene la cosa si fornirebbe un servizio utile agli anziani;
si incentiverebbe l'utilizzo di citato parcheggio ora praticamente inutilizzato (abbonamenti?);
si renderebbe più accessibile il Centro Anziani e, perchè no... anche la biblioteca;
sarebbe più facile per certe fasce della popolazione raggiungere il Duomo;
chi ne avesse bisogno potrebbe sfruttare il servizio di consegne a domicilio;
ecc. ecc....

Tanto per fare un esempio chi scrive ha un braccio ingessato e avrebbe trovato molto utile, dietro pagamento di un modesto abbonamento, utilizzare un servizio simile.

Chiaramente bisognerebbe studiare a tavolino la cosa ma ci conforta il fatto che un commerciante del paese aveva già proposto, in passato, un'idea del genere e che era disposto a riconoscere, a livello economico, almeno il 2% dell'importo della spesa effettuata presso il suo negozio pur di affidare la consegna a domicilio a qualcuno. In merito ricordiamo che tra negozi e supermercati... di consegne da fare ce ne sarebbero parecchie...)

Riteniamo che tra abbonamenti a costo ridotto, consegne a domicilio, biglietti e altro si dovrebbe riuscire a coprire il costo del servizio.

C'è nessuno che vuole approfondire la questione e arrivare a stilare un progetto sensato da presentare al Comune? Peraltro si creerebbero anche un paio di posti di lavoro e... di questi tempi male non fà.





Ti è piaciuto l'articolo? Esprimi il tuo pensiero e condividilo sulla tua pagina Facebook.

Torna ai contenuti | Torna al menu