Scuola e dintorni - 45Paralleolo_03

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur ad elit.
Morbi tincidunt libero ac ante accumsan.
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec commodo sapien et dapibus consequat.
Associazione Culturale Quarantacinquesimo Parallelo

Ultimo aggiornamento sito: 02/07/201802/07/201802/07/201821/06/2018

Logout
Vai ai contenuti

Menu principale:

Scuola e dintorni

Il nostro territorio > Territorio comunale
Scuola e dintorni...

Dopo 11 anni di presenza ininterrotta nel Consiglio d'Istituto dell'istituto Paolo Borsellino di Monte Compatri, con l'uscita dal percorso scolastico del mio secondo genito, è terminata anche questa mia lunga ed entusiasmante avventura nel complicato ed appassionante mondo della scuola, nel fare i miei auguri di buon lavoro al neo eletto Presidente del Consiglio di Istituto, l'ingegnere Patrizio Ciuffa, desidero rendere pubbliche alcune semplici e personali considerazioni di natura anche politica proprio sulla scuola.

Voglio ringraziare tutte le persone, genitori, personale ATA, insegnanti di tutti i gradi (infanzia, elementari e medie), DS, DSGA, consiglieri tutti con cui ho avuto l'onore e il piacere di lavorare e di confrontarmi, in alcuni casi anche duramente, in oltre un decennio.

Non me ne vogliano tutti quel che non nominero, ma non posso esimermi dal ringraziare personalmente alcuni tra loro.

In primis il Preside Luigi INGLESE, grande stratega e fine giocatore di scacchi, la mia "segretaria" per lunghi cinque anni, la professoressa Ilaria Giorgi, il Presidente Cartoni Stefano, il mio amico Carlo Alfieri, non basterebbe un libro per raccontare il nostro rapporto, le insegnanti e amiche Tamara Ciuffa, Izzi Letizia, l'instancabile Stefania Santini, il consigliere "sindacalista" Massimo Preziosi ed infine la DS Di Tommaso Loredana, capitano alla guida della nave.

Come ho avuto già modo di scrivere, in questi undici anni ho ricevuto molto più di ciò che ho dato. 11 anni sono lunghi, ed anche per un testone come me, alla fine sono serviti per comprendere il funzionamento di questo importante mondo. La politica locale, vede nella scuola un grosso "problema" è vive la dicotomia amministrativa con ansia e senso di scoramento, d'altronde i genitori degli alunni sono in gran parte elettori, pertanto la questione non può essere liquidata in modo banale.

Non tutti sanno che il Comune per legge deve mettere a disposizione le strutture e farsi carico delle spese di ordinaria e straordinaria manutenzione dei plessi scolastici e degli spazi comuni degli stessi, inoltre gestisce il servizio di mensa scolastica ed eroga infine le ore necessarie per i ragazzi meno fortunati AEC in collaborazione con la scuola che fornisce invece gli insegnanti di "sostegno" Non ha invece, l'Ente Locale, nessun tipo di competenza sulla didattica e sulla gestione scolastica dei plessi, non ha competenze inoltre nella stesura delle graduatorie per poter accedere alle classi dell'infanzia (bambini dai 3 ai 5 anni).

Questi i fatti, quindi cari amici, chiunque vi promette miracoli, favori e intercessioni che vanno contro i dettami qui sopra, sta semplicemente mentendo e sta "vendendo" qualcosa che non possiede. In questi anni, la politica ha fatto, a mio avviso, un uso mediatico e strumentale della scuola, ne sono la riprova gli innumerevoli articoli e le decine e decine e decine di foto che ritraggono amministratori locali intenti a farsi riprendere sorridenti e soddisfatti nelle più disparate occasioni riconducibili alla scuola.

Il tutto per un solo ed unico motivo.

Non solo, in pubblico una versione tutta sorrisi e pacche sulle spalle, al chiuso, nelle segrete stanze, tutta altra, storia!! Va così, il Sindaco ha molteplici compiti, purtroppo, tra questi non vi è quello di poter interferire con le scelte del Dirigente Scolastico, ci sono, come è giusto che sia vari livelli di rappresentanza istituzionale su un dato territorio.

Andando oltre, in questi giorni a Laghetto i genitori sono in fermento per la turnazione e le lunghe attese a cui sono costretti gli alunni delle elementari per poter fruire del pasto. Dopo anni di attesa, il Comune ha fatto installare un container esterno, per la consumazione dei pasti, per sopperire alle previste necessità collegate al sempre maggiore bisogno di aule derivato da un aumento delle iscrizioni.

Peccato che il container questione sia del tutto insufficiente allo scopo.

Ora, ovviamente i genitori sono in fermento, in quanto, l'ultimo turno inizia a consumare il pranzo alle ore 14.00.

Ritengo che il Comune debba porre rimedio velocemente a questa che era una situazione previdibilissima.

Quello che mi sconcerta, sono invece alcune voci, messe in giro da alcuni genitori, le quali, vorrebbero far ricadere la colpa del disservizio sulla scuola e sulla dirigenza, che, a dire di questi fini conoscitori della scuola, ha la colpa di aver accettato tutte le iscrizioni...... Povera Italia!

Scordano loro, e chi da dietro tesse le trame di questa scenetta, che parliamo di scuola dell'obbligo.

Quindi, cari signori, la scuola fa ciò per cui esiste, quindi forse, sarebbe il caso che gli altri facessero il loro.

Senza cercare scusa e accampare improbabili giustificazioni. La scuola in quanto Istituzione, non risponde a dinamiche elettorali, ha fini diversi. Megaopere e d'intorni. Durante la campagna elettorale, sono circolati in ambo gli schieramenti principali, progetti che promettevano la imminente costruzione di imponenti e avveniristici poli scolastici.

Ora, che a vincere è stata la compagine governativa, iniziano già a girare voci di corridoio che danno per defunto il nuovo polo scolastico di Monte Compatri centro urbano. Però in compenso, si inizia a parlare di una profonda ristrutturazione dei locali siti in via Rosmini, oggi adibiti a magazzini della Protezione Civile da riconvertire a scuola dell'infanzia, guarda un po che caso, uno dei punti del programma di Monte Compatri Tricolore!!!!!!!!

Inoltre, forse, invece di inventare fantasmagorici e irrealizzabili poli scolastici al CU, gli attuali amministratori dovrebbero studiare il trend delle iscrizioni degli ultimi anni, scoprirebbero che il dato è decrescente, pertanto, in prospettiva, il bisogno di locali si contrarra sensibilmente.

Indi, basterà adeguare alle nuove necessità le attuali strutture per far fronte alle future necessità, questo ovviamente, in fase di pianificazione e lontano dalle stronzate elettorali!!!!

Massimo Sama'
Torna ai contenuti | Torna al menu